UNIMPRESA REGIONE TOSCANA FORMAZIONE AGRICOLTURA UNIMPRESA FIDI CENTRO STUDI QUALITÀ COMMERCIO TURISMO SERVIZI PATRONATO UNIMPRESA DONNA SICUREZZA SUL LAVORO COOPERATIVE UNI.A.P. GIOVANI IMPRENDITORI PAGHE ONLINE EDILIZIA C.A.F. UNIMPRESA POLITICHE DEL LAVORO PESCA UNIMPRESA SERVIZI PRIVACY NAUTICA S.A.FIN. PIEMME IMPRESA ASSISTENZA FISCALE E TRIBUTARIA OPERE SOCIALI BIO UNIMPRESA UFFICIO LEGISLATIVO SPORT E TEMPO LIBERO C.A.A. S.O.A. TRASPORTI E.B.S.S. INFOCAMERE UNIVET I.C.F. ASSOCIAZIONI CONTRATTI COLLETTIVI AREZZO FIRENZE GROSSETO LIVORNO LUCCA MASSA CARRARA PISA PISTOIA PRATO SIENA ITALIA TOSCANA FIRENZE ITALY TUSCANY FLORENCE SIEVEONLINE NETWORK

Associazione di Categoria per le Piccole e Medie Imprese

Firenze -  22

Home Page  |  WebMail  |  Area Riservata


Il Nuovo Sostegno alle Imprese

   NOTIZIE, NOVITA' ED EVENTI

Indice Notizie  

      COMUNICATI E CIRCOLARI

                     IMU - PAGAMENTO DELL'ACCONTO

<<<

Con la riforma del federalismo fiscale, è stata introdotta una nuova tassa, l'Imposta Municipale Unica (Imu), che dal 01.01.2012 sostituirà sia l’Irpef sui redditi fondiari delle seconde case, sia l’ICI.

L’imposta dovuta al Comune per l’anno 2012 deve essere versata, a scelta del contribuente:

- in due rate di pari importo: la prima entro il 18 giugno 2012 (in quanto il 16 giugno cade di sabato), la seconda entro il 17 dicembre 2012 (il 16 dicembre è domenica),

- ovvero in un’unica soluzione, entro il 18 giugno 2012.

La novità prevede che per l'anno 2012 il pagamento della prima rata dell'imposta municipale propria debba essere effettuato, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in misura pari al 50% dell'importo ottenuto applicando le aliquote di base e la detrazione previste.

I contribuenti dovranno dunque calcolare l'importo della tassa, moltiplicando per 160 la rendita catastale (rivalutata del 5%), applicare l'aliquota di base (il 4 per mille sulla prima casa, il 7,6 per mille su tutti gli altri immobili, e non quella eventualmente già deliberata dai pochi Comuni che l'hanno decisa), togliere le detrazioni forfettarie, che sono pari a 200 euro più 50 euro per ogni figlio a carico di età fino a 26 anni, e pagare la metà di quest'importo.

La seconda rata sarà versata a saldo dell'imposta complessivamente dovuta per l'intero anno con conguaglio sulla prima rata.